CONFESERCENTI: CARO CARBURANTI, NON CI RASSEGNIAMO

23.01.2016 ore 10:47
Stampa
AGR “Mentre dell’ultima ricarica della card carburanti si sono perse le tracce (al Mise sostengono che la causa è la “mancanza di liquidità” per pagare, in primo luogo, gli aventi diritto al terzo beneficio) i 330mila automobilisti lucani fanno bene a non rassegnarsi a mettere mano al portafoglio alla pompa per pagare il carburante se non il più caro tra i più cari d’Italia come non ci rassegniamo di fronte ad una presunta impossibilità di individuare agevolazioni per le imprese”. Lo sostiene, in un comunicato stampa, il presidente di Confesercenti Potenza Prospero Cassino che fa riferimento ad un’ultima rilevazione della Faib Confesercenti su prezzi e quotazioni di qualche giorno fa. Tra accise e IVA, le imposte pesano per il 69% del costo pagato dai consumatori e sono praticamente insensibili alle variazioni delle quotazioni del petrolio. Tanto che, per assurdo, anche se i Paesi produttori ci regalassero la materia prima, un litro di verde costerebbe comunque agli italiani 1,083 euro, un litro di gasolio 0,965 euro.

Il prezzo dei carburanti si è abbassato notevolmente con il calo del petrolio, ma se non si agisce sulla componente fiscale non ci sarà mai grande spazio per ‘scendere ancora’, come suggerisce il Premier, e nessuno si potrà attendere una riduzione percentuale di pari importo a quella registrata per la cessione del greggio. Ben venga dunque una moral suasion nei confronti delle Compagnie, ma anche il Governo faccia la sua parte rispetto ai costi fissi, dalle commissioni bancarie all’imposizione fiscale che grava sui carburanti.

In particolare, secondo Faib Confesercenti, sarebbe utile legare le accise - attualmente fissate a 0,738 euro per la benzina verde e 0,617 per il gasolio - al costo effettivo della materia prima, introducendo un meccanismo di flessibilità che permetta di riflettere le variazioni delle quotazioni del greggio. In questo modo, anche in Italia si potrà finalmente approfittare pienamente delle possibilità di risparmio che il calo del costo del petrolio può aprire per i consumatori e per tutta l’economia. Ha ragione il Presidente del Consiglio Renzi, il Governo – afferma Cassino - non può fissare per Decreto il prezzo della benzina, ma può certamente intervenire sterilizzando l’IVA (che da sola incide per il 18%) e intervenendo sulle accise. Noi non abbiamo mai pensato che la card carburanti, magari “a vita”, potesse risolvere per sempre il problema ai lucani del “caro carburante” e sosteniamo la scelta della Regione di trasformazione in “card sociale” però – aggiunge – una volta per tutte la questione dei benefici diretti per le imprese insediate nel distretto energetico Val d’Agri e più in generale in Basilicata va affrontata”.

bas04

Cerca una notizia

Per data di pubblicazione [gg/mm/aaaa]

Ordina dal

Cerca nell'archivio