LIBERALI SU INCONTRO AL MISE VERTENZA DATACONTACT

14.03.2016 ore 19:22
Stampa
AGR Continua l’impegno della Regione al tavolo presso il Mise sulla vicenda relativa alla commessa Telecom in scadenza al 31 marzo affidata a Datacontact.

Alla riunione di oggi, dalla quale è emersa una ipotesi di soluzione, avanzata da Telecom Italia, che prevede la nascita di un nuovo soggetto giuridico cui verrà affidata la commessa “Telecom” del call center di Matera in scadenza il 31 marzo 2016 e la tutela occupazionale, ha partecipato il direttore generale del Dipartimento Politiche di sviluppo, lavoro, formazione e ricerca, Giandomenico Marchese.

Le istituzioni nazionali e locali sono intervenute per evidenziare “l’esigenza che vi sia un unico riferimento, quale nuovo soggetto imprenditoriale, che assuma la titolarità del personale e che garantisca la continuità delle attività di call center sul territorio di Matera”.

“Il Dipartimento che guido, in stretto rapporto con il presidente Pittella, presta la massima attenzione, sin dal primo momento, alla vicenda che riguarda il futuro di una importante realtà imprenditoriale lucana e di tantissimi lavoratori e delle loro famiglie. Grazie alla Regione Basilicata, che ha sollecitato in proposito il Ministero dello Sviluppo economico, è stato attivato il tavolo per esaminare le criticità. Diverse sono state le riunioni tenute presso il Mise nelle ultime settimane che in primo luogo hanno provato a verificare se ci fossero le condizioni per sostenere con la committente Telecom Italia la possibilità di proseguire l’affidamento delle attività alla Datacontact”. Lo dichiara l’assessore regionale Raffaele Liberali.

“Dopo diversi tavoli anche alla presenza dell'azienda, accertata l'impossibilità dichiarata da Telecom di poter rinnovare la commessa, - sottolinea l’assessore - il Mise e la Regione hanno chiesto a Telecom Italia di individuare un solido soggetto a cui affidare il servizio che possa garantire i livelli occupazionali e la continuità di attività da svolgere a Matera. E il risultato dell’incontro odierno, che noi, così come le Organizzazioni sindacali, giudichiamo positivo, va esattamente nella direzione prospettata.

Adesso aspettiamo, per la prossima riunione, la presentazione del piano che stabilisca che le commesse siano eseguite nel territorio e che i livelli occupazionali siano globalmente preservati.

Data l’importanza dell’appuntamento, la Regione e il Mise hanno anche previsto il coinvolgimento delle Organizzazioni sindacali territoriali per esaminare i dettagli dell’operazione”.

Maf

Cerca una notizia

Per data di pubblicazione [gg/mm/aaaa]

Ordina dal

Cerca nell'archivio