Inquinamento acustico

stampa
L’inquinamento acustico è forse una delle problematiche ambientali più difficilmente trattabili e rappresenta un indicatore del degrado ambientale di peso non trascurabile.

La legge quadro n.447/95 definisce l’inquinamento acustico come l'introduzione di rumore nell'ambiente abitativo o nell'ambiente esterno tale da provocare fastidio o disturbo al riposo ed alle attività umane, pericolo per la salute umana, deterioramento degli ecosistemi, dei beni materiali, dei monumenti, dell'ambiente abitativo o dell'ambiente esterno o tale da interferire con le legittime fruizioni degli ambienti stessi.

Gli effetti dell’inquinamento acustico sono diversi a seconda dell’intensità del rumore: dall’emicrania all’insonnia, dai disturbi uditivi allo stress, fino al dolore vero e proprio superata la soglia di 130 db di intensità.

Le principali fonti di rumore, che interessano da un punto di vista ambientale, sono in ordine di importanza:
  • il traffico (traffico veicolare, ferroviario e aeroportuale);
  • le attività industriali ed artigianali;
  • le attività musicali e ricreative;
  • le attività e fonti di rumore in ambiente abitativo.
La Legge Quadro sull’inquinamento acustico ed i successivi decreti attuativi intervengono in materia di tutela acustica del territorio, non solo sottoponendo le opere ingegneristiche a valutazione previsionale del clima acustico e/o di impatto acustico, ma imponendo la zonizzazione degli ambiti territoriali comunali a seconda che si tratti di aree particolarmente protette, aree prevalentemente residenziali, aree di tipo misto, aree di intensa attività umana, aree prevalentemente industriali o di aree esclusivamente industriali.

L’intento della Regione Basilicata è quello di dotarsi di uno strumento normativo che consenta una pianificazione sostenibile del sistema urbano ed extraurbano, indicando i criteri di massima alla base della classificazione dei territori comunali. In regione, infatti, non esistendo situazioni di particolare emergenza acustica, sarà possibile operare valorizzando il patrimonio naturalistico e paesaggistico.