FERRONE (LEU): "I VOUCHER NON AIUTANO IL CONTRASTO AL CAPORALATO"

punti apici 10.08.2018 ore 11:24
BAS
BAS “Dopo la significativa manifestazione a Foggia per ricordare i 16 braccianti morti negli ultimi giorni sulle strade del Foggiano in due analoghi incidenti stradali e fare in modo che queste sciagure non si ripetano più, il nostro impegno, l’impegno della sinistra è per la difesa dei lavoratori, per chiedere il rispetto della legalità, allearsi agli imprenditori onesti che fanno accordi di filiera e che investono". E’ quanto sostiene in una nota Carmine Ferrone, dirigente di Articolo1-Mdp verso il partito LeU della provincia di Potenza, per il quale: “i voucher introdotti dal Governo Conte specie in agricoltura non sono di nessun aiuto al contrasto del caporalato e dello sfruttamento dei braccianti in questa fase di grande raccolta dei pomodori. Anzi accentuano precarietà e illegalità”.

Piuttosto è significativa l’azione decisa in Prefettura a Potenza per l’avvio di una specifica attività di controllo – evidenzia Ferrone - ai fini di prevenzione e contrasto del grave fenomeno del caporalato in concomitanza dell’arrivo, nell’area dell’Alto Bradano, dei lavoratori stranieri regolari impegnati nella raccolta dei prodotti agricoli. Come è altrettanto significativa l’ attività affidata all’Ufficio Territoriale del Lavoro per i controlli specifici sulla regolarità dei rapporti di lavoro con la sollecitazione rivolta ai sindaci per la predisposizione degli interventi necessari a contrastare il fenomeno del bivacco dei migranti in strutture occupate abusivamente e inidonee anche dal punto di vista igienico-sanitario. Ma i controlli e la vigilanza – aggiunge Ferrone – non bastano se non accompagnati da azioni di accoglienza e ospitalità dei lavoratori extracomunitari e dall’impegno diretto dei nostri agricoltori al pieno rispetto del Protocollo contro il caporalato e lo sfruttamento lavorativo in agricoltura – cura, legalità, uscita dal ghetto.

‘Tranquilli, con i nuovi voucher i lavoratori guadagneranno di più’: dicevano dalle parti del governo e del Pd. Poi scopri che una badante, ad esempio, non guadagnerà 10 euro, come si diceva, ma 8. Mentre in agricoltura – conclude Ferrone nella nota - il minimo è 6,50 euro. L’ennesimo imbroglio di questo governo”.

Cerca una notizia

Per data di pubblicazione [gg/mm/aaaa]

Ordina dal

Cerca nell'archivio