"COMPRA LUCANO - Mangi sano e dai una mano"

stampa

La Basilicata rurale nel carrello della spesa. Il Dipartimento Politiche Agricole e forestali della Regione Basilicata ha lanciato dallo scorso aprile 2020 la campagna promozionale “Compra lucano! Mangi sano e dai una mano”, per dar merito alla filiera agricola e agroalimentare lucana che è tra i pochi settori produttivi ad aver garantito, sempre, l’approvvigionamento di cibo. Con l'avvicinarsi del Natale è partita la seconda fase della campagna, per sollecitare la comunità lucana a portare sulla propria tavola, anche nelle festività, i sapori e la tradizione del territorio lucano, scegliendo tra le tante eccellenze che la filiera dell’agroalimentare propone.
“Scegliere lucano in questi giorni – dichiara l’assessore alle politiche agricole e forestali – Francesco Fanelli, significa fare una scelta che è garanzia del mangiar sano perché la regione Basilicata è caratterizzata dalla presenza di ecosistemi e agroecosistemi di elevato pregio, con territori ancora integri dal punto di vista ambientale e ad elevata biodiversità. Tra l’altro – aggiunge Fanelli – le condizioni di relativo isolamento di alcune aree interne hanno costituito microambienti nei quali nel tempo sono state selezionate specie, varietà, ecotipi autoctoni caratteristici conservati da microcomunità, che sono proprio quelle che rendono i nostri prodotti una tipicità di assoluto pregio e qualità”. Il direttore del Dipartimento regionale alle politiche agricole e forestali, Donato Del Corso formula "un ringraziamento alla Federazione Italiana Cuochi per il sostegno alla campagna attraverso pubblicazione di mini spot e filmati sulle pagine social".
La campagna intende offrire un sostegno alle filiere agricole lucane e al mondo rurale, con l’obiettivo di valorizzarne i prodotti, esaltando per un verso i luoghi incontaminati da cui derivano e per altro aumentando la competitività e il consumo dei prodotti agricoli locali ripristinando le condizioni normali di mercato e riconquistando la fiducia dei consumatori.