PIANO SALUTE, MARTORANO: AVIGLIANO ESEMPIO INTEGRAZIONE SANITARIA

punti apici 21.06.2012 ore 18:20

In occasione di un incontro promosso dalla locale amministrazione comunale, l'assessore ha ricordato che la prossimità delle cure e l’integrazione dei servizi sanitari e socio assistenziali si confermano gli obiettivi caratterizzanti della riforma sanitaria regionale

AGR
AGR "Un nuovo confronto con la comunità degli amministratori, degli operatori del mondo sanitario e dei rappresentanti istituzionali locali e regionali rafforza la valenza del percorso che abbiamo scelto di seguire in vista dell'adozione definitiva del Piano regionale della salute. Dopo gli Stati generali e l'iter in Commissione consiliare intercettiamo, ancora una volta, l'esigenza del territorio di confrontarsi sui temi cruciali che interessano la salute dei cittadini". Lo ha detto l'assessore regionale alla Salute, Attilio Martorano, in occasione dell'iniziativa odierna promossa ad Avigliano dall'amministrazione comunale.

"E' mio particolare interesse ascoltare e tenere conto delle indicazioni che giungono dai territori - ha detto Martorano - in vista delle scelte che avranno ricadute importanti sulla comunità, con il precipuo impegno di rafforzare la sostenibilità del sistema sanitario e accrescere l'offerta dei servizi sanitari e socio assistenziali".

"La prossimità delle cure e l’integrazione dei servizi sanitari e socio assistenziali si confermano gli obiettivi caratterizzanti della riforma sanitaria. Resta prioritaria - ha continuato Martorano - l'esigenza di un sistema basato sulla prevenzione che attivi a livello territoriale tutte le specificità diagnostiche e di cura che assicurino un tempestivo ed adeguato intervento a tutela della salute dei cittadini prima ancora di attivare i processi di ospedalità. L’obiettivo cardine era ed è la prevenzione, ammalarsi meno curarsi meglio. In questa prospettiva - ha concluso l'assessore - il distretto sanitario e la casa della salute di Avigliano rappresentano un modello da replicare e diffondere capillarmente sul territorio, affinché si possa dare piena attuazione ai principi di sussidiarietà, sostenibilità e solidarietà contenuti nella riforma del Piano della salute".

sil