Bandi Fondo Europeo per la Pesca (FEP) - "Investimenti produttivi nel settore dell'acquacoltura" e "Investimenti nei settori della trasformazione e commercializzazione"

Segnala ad un amico stampa

Deliberazione Giunta Regionale n. 1489 del 05/08/2009 pubblicata sul BUR n. 38 del 16/08/2009

Riferimenti: Domenico Silvestrelli tel 0971.668724

Scadenza: 14/11/2009

Bando "Investimenti produttivi nel settore dell'acquacoltura"
?Ai sensi di quanto disposto dall’art. 29 del Reg. (CE) 1198/2006, la misura che incentiva gli investimenti nel settore dell’acquacoltura1 si propone di migliorare la qualità dei prodotti, le
condizioni di lavoro e di igiene, la salute dell’uomo e degli animali, nonché di ridurre l’impatto
negativo ovvero accentuare gli effetti positivi dei processi produttivi sull’ambiente.
Gli investimenti devono avere uno o più dei seguenti obiettivi:
a) diversificazione finalizzata alla produzione o alla cattura di nuove specie con buone
prospettive di mercato;
b) applicazione di tecniche di acquacoltura che riducono l’impatto negativo o
accentuano gli effetti positivi sull’ambiente in modo sostanziale rispetto alle normali
pratiche utilizzate nel settore dell’acquacoltura; c) sostegno alle tradizionali attività dell’acquacoltura2 al fine di preservare e sviluppare
il tessuto socioeconomico e l’ambiente;
d) sostegno per l’acquisto di attrezzature volte a proteggere gli allevamenti dai
predatori selvatici;
e) miglioramento delle condizioni di lavoro e di sicurezza dei lavoratori del settore
dell’acquacoltura.

Bando "Investimenti nei settori della trasformazione e commercializzazione"
?Ai sensi di quanto disposto dagli artt. 34 e 35 del Reg. CE 1198/2006, la misura è volta al
miglioramento delle condizioni del settore della trasformazione e della commercializzazione, inteso
come l’ insieme delle seguenti operazioni:
-preparazione che alteri l’integrità anatomica dei pesci come l'eviscerazione, la
decapitazione, l'affettatura, la filettatura, la trituratura, la pelatura, la rifilatura, la
sgusciatura, ecc.;
-lavatura, pulitura, calibratura e depurazione dei molluschi bivalvi;
-conservazione, congelamento e confezionamento, compreso il confezionamento sottovuoto
o in atmosfera modificata;
-trasformazione, ovvero processi chimici o fisici quali riscaldamento, affumicamento,
salatura, disidratazione o marinatura, ecc., di prodotti freschi, refrigerati o congelati, anche
associati ad altri alimenti, o una combinazione di vari processi;
-commercializzazione all’ingrosso dei prodotti ittici
Gli investimenti devono perseguire uno o più dei seguenti obiettivi:
-miglioramento delle condizioni di lavoro;
-miglioramento e monitoraggio delle condizioni di igiene o della qualità dei prodotti;
-produzione di prodotti di alta qualità destinati a nicchie di mercato;
-riduzione dell’ impatto negativo sull’ ambiente;
-incentivazione dell’ uso delle specie poco diffuse, dei sottoprodotti e degli scarti ;
-produzione o commercializzazione di nuovi prodotti, applicazione di nuove tecnologie o
sviluppo di metodi di produzione innovativi;
-commercializzazione di prodotti provenienti soprattutto dagli sbarchi e dall’ acquacoltura
locali;
-promozione dell’ occupazione sostenibile nel settore.