BANDO GIOVANI IN AGRICOLTURA, AL VIA DA MATERA IL TOUR DIVULGATIVO

punti apici 15.11.2021 ore 19:46

L’assessore Fanelli: “Una preziosa opportunità per tanti giovani lucani che vogliono investire sul loro presente”

AGR
Un momento dell'incontro Un momento dell'incontro AGR E’ partito da Matera il tour della Direzione Generale per le politiche agricole, alimentari e forestali guidato dall’assessore, Francesco Fanelli, per presentare su tutto il territorio le preziose opportunità offerte dal bando Misura 6 “Sviluppo delle aziende agricole e delle imprese forestali”, Sottomisura 6.1 “Aiuto all’avviamento di imprese per i giovani agricoltori” a valere sul Programma di sviluppo rurale (Psr) 2014-2020, risorse rinvenienti dal biennio di transizione 2021-2022.

Nel corso della prima tappa di questo viaggio svoltasi nella sala congressi della Camera di Commercio l’assessore Fanelli e l’Autorità di gestione del Psr, Vittorio Restaino, davanti a un’affollata platea, hanno illustrato i contenuti di questa misura finalizzata a sostenere il ricambio generazionale in un settore come l’agricoltura di assoluta importanza per l’economia lucana.

La dotazione finanziaria ammonta a 15 milioni di euro.

L’avviso pubblico è rivolto a giovani di età compresa fra 18 e 40 anni (41 anni non compiuti), in possesso di partita IVA agricola da non più di 24 mesi dalla domanda di sostegno, con adeguate qualifiche e competenze professionali (titoli di studio in materia agronomico – forestale, attestati di frequenza corsi in materia agronomico – forestale, esperienza lavorativa), che si insediano per la prima volta in un’azienda agricola in qualità di titolare di impresa individuale, contitolare e socio amministratore di società di capitale o cooperative.

“Velocità delle procedure di ammissione, certezza di tempi e certezza dei finanziamenti. Sono solo alcune delle novità che segnano davvero un cambio di passo rispetto al passato”, ha detto l’assessore e vicepresidente della Giunta regionale, Fanelli. Ed ha aggiunto: “E’ una misura molto importante per il nostro territorio, è un segnale che vogliamo dare ai nostri giovani che vogliono investire nella loro terra di origine. Questo bando viene attivato a distanza di poco più di tre anni dal precedente, grazie alle risorse aggiuntive che l’UE ha messo a disposizione del PSR Basilicata per il periodo di transizione 2021-2022, consentendo di andare incontro alle aspettative dei numerosi giovani che, nel tempo trascorso dal precedente avviso, hanno conseguito le competenze e le esperienze lavorative per poter attivare nuove iniziative imprenditoriali in agricoltura. Una dotazione finanziaria molto superiore rispetto al passato”.

Diverse le linee strategiche illustrate da Restaino durante l’incontro: “Sostenere l’agricoltura di qualità; valorizzare l’esperienza lavorativa e le competenze; accompagnare l’insediamento delle imprese agricole nelle aree protette, aree Natura 2000 e nelle aree montane; favorire l’accorpamento fondiario; Favorire la costituzione di imprese economicamente sostenibili; favorire la semplificazione amministrativa e la fiducia reciproca fra istituzione regionale e operatori del settore”.

“Sono sicuro – ha aggiunto l’assessore – che questo bando verrà accolto con favore da tantissimi giovani che vogliono investire sul comparto agricolo. E qualora le domande dovessero raggiungere la quota della dotazione finanziaria, la Regione Basilicata è pronta a fare la sua parte. Siamo infatti convinti che i giovani devono essere incoraggiati non solo a investire sul loro futuro, ma anche e soprattutto sul loro presente. Ed è su questa strada che si muove il bando presentato oggi. Per questa ragione continueremo a presentare la misura a ritmo serrato in diversi luoghi del territorio regionale”.

Cerca una notizia

Per data di pubblicazione [gg/mm/aaaa]

Ordina dal

Cerca nell'archivio